Emmanuel Kant

Dopo una pagina generale sul pensiero di Kant ritrovabile in Filosofia, qui vorrei fare delle riflessioni più mirate e circostritte.

Per Kant l’uomo tende ad affermare le idee di  MONDO, ANIMA, DIO. Essendo idee non esperibili sono  affermazioni  illegittime, ma non per questo impossibili. L’importante è avere la consapevolezza che   non si fa della scienza  ma della metascienza, cioè della metafisica.

Kant sa perfettamente il limite di entrambi.  Si differenzia dal tomismo aristotelico  che sosteneva la centralità della RAGIONE passandola per quello che non era. Si differenzia dalle ragioni del CUORE di origine agostiniana e pascaliana, perchè vuole rimanere nel campo razionale. La sua idea di conoscenza  è quella GALILEIANA CARTESIANA e su questa strada  Kant è e rimane un illuminista, figlio di Cartesio e del positivismo.

Con GALILEO studia il mondo sensibile, con CARTESIO  studia   il mondo intelligibile/concettuale.

In quanto a Dio non può essere nè conosciuto nè negato. Kant è un agnostico.

Il FENOMENO è quello che vedo come mi appare, il NOUMENO è la cosa in sè che non posso conoscere ma nemmeno negare.

Ovunque mi giro e mi muovo c’è un grande rigorismo, l’impossibilità a illudersi, a eccedere, a sconfinare.

Non per nulla si parla di criticismo, di metodo critico, che pondera tutto, che misura il misurabile, che si interroga.

Quindi, per fare un piccolo schema generale, l’ESTETICA TRASCENDENTALE   si lega ai sensi interni (ANIMA) ed esterni (MONDO); L’ANALITICA  si lega all’Intelletto e alle sue CATEGORIE; LA DIALETTICA si lega  alla RAGIONE   e alle IDEE OLTRE IL SENSIBILE.

Nell’estetica LO SPAZIO è una forma di senso esterno, IL TEMPO è una forma di senso interno. Entrambi sono A PRIORI. In questo modo Kant si distacca dal semplice empirismo e si distacca dal semplice oggettivismo. Si distacca anche dal semplice concettualismo perchè spazio e tempo sono intuizioni e non concetti. Si distacca anche dal semplice idealismo problematico di Cartesio (dualistico) e da quello  dogmatico  di Berkeley. Il suo è un idealismo TRASCENDENTALE.

La MATEMATICA/GEOMETRIA    è un scienza sintetica a priori. La natura  risponde essa stessa alla matematica/geometria   essendo qualcosa che accade nello spazio e nel tempo che sono essi stessi quantifica bili, numerabili, ecc.

L’ANALITICA TRASCENDENTALE SI LEGA ALLA SENSIBILITA’ E ALL’INTELLETTO, infatti senza i sensi e senza la possibilità di usare la logica  non sarebbe possibile nessuna forma di conoscenza.

L’intelletto ricorre alle categorie che sono CONCETTI PURI. Le categorie si differenziano per QUANTITA’, QUALITA’ RELAZIONE E MODALITA’. Si riferiscono unicamente al fenomeno. LE SENSAZIONI  producono  CONCETTI EMPIRICI  cioè legati all’esperienza.

Qui siamo nel campo della DEDUZIONE TRASCENDENTALE. L’IO PENSO accomuna tutti gli uomini e tutte le conoscenze. Con i concetti si può arrivare ai giudizi.

L’intelletto puro agisce per principi che sono GLI ASSIOMI DELL’INTUIZIONE, L’ANTICIPAZIONE DELLA PERCEZIONE, L’ANALOGIA DELL’ESPERIENZA  E I POSTULATI DEL PENSIERO EMPIRICO  IN GENERALE.

L’IO è IL LEGISLATORE DELLA NATURA.

LA DIALETTICA TRASCENDENTALE SI LEGA ALLA RAGIONE E ALLE IDEE TRASCENDENTALI DI  ANIMA, MONDO, DIO.

Mentre per Aristotele le idee  sono  assolute e  per Platone sono iperuraniche,  per Kant  sono solo mentali. Da qui la critica   alla psicologia razionale e alla cosmologia razionale.  Le idee hanno una funzione regolativa.  Le idee sono strumenti della metafisica   che può essere della natura o dei costumi.

Per Kant si parla di  RIVOLUZIONE COPERNICANA  perchè Kant pone dentro l’IO PENSO  le premesse universali, innate, pure. Grazie all’io penso è possibile la conoscenza scientifica che ricorrre alla ragione pura cioè la matematica e alla fisica per empiria. Ma è anche possibile la conoscenza non scientifica che come tale manca di metodo.

Questo è il regno della METAFISICA che è l’arte del farsi delle domande. Si traduce nel bisogno insopprimibile del Bene o di qualcosa che possiamo definire tale.

La metafisica è il punto più alto del complesso impianto gnoseologico di Kant.

Per Kant anche il non esperibile può essere conosciuto, però non tramite l’esperienza.

E’ il regno del   NOUMENO, cioè la realtà in sè e  per sè.

Fanno parte di queste realtà in sè e per sè le idee di  imperativo categorico o assoluto. Nella sua Fondazione deila metafisica dei costumi, Kant abbandona il suo indagare sul fenomeno per occuarsi del noumeno, la cosa in sè. In sede pratica, dove conta quello che si fa più che quello che si conosce, l’obiettivo di Kant è potere porre dei principi universali che ogni uomo può porsi da se stesso, per se stesso, in se stesso.

Chiama questi principi come LEGGI MORALI ASSOLUTE, leggi che l’uomo ha già in se stesso, deve solo osservarle, non perchè qualcuno o qualcosa fuori di sè gliele impone, ma perchè sono costitutivamente parte dell’essere uomo.

Questo cercare di dire all’uomo “Non hai bisogno di credere in Dio per essere morale, non hai bisogno di credere in una ideologia, hai solo bisogno di assumere per te stesso questi tre impegni autofondativi della morale universale.

Questi tre comandi in breve  sono:

  • AGISCI IN MODO CHE IL TUO LIBERO ARBITRIO POSSA VALERE COME LEGGE UNIVERSALE
  • AGISCI IN MODO DI TRATTARE OGNI UOMO COMPRESO TE STESSO  SEMPRE  COME FINE E MAI COME MEZZO
  • LA VOLONTA’ NON E’  SOTTOPOSTA ALLA LEGGE, MA ESSENDO AUTOLEGISLATRICE, PROPRIO PER QUESTO SOTTOSTA’ ALLA LEGGE

I comandi   poggiano su di un POSTULATO,  che dice   L’UOMO  ESISTE COME FINE A SE STESSO, ossia l’uomo non deve rendere conto delle sue azioni ad altri, all’esterno da sè, ma proprio a se stesso. Ovviamente si intende l’uomo come essere formale e non materiale.

Le quattro leggi sempre legate alla morale sono in breve:

  • contro il suicidio
  • contro le false promesse
  • pro ……..
  • pro la solidarietà

 

 

 

 

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...